times2 exhibition

Franklin Evans
times2
Nov 11, 2010 - Jan 10, 2011

Federico Luger is pleased to present “times2”, Franklin Evans’ second solo exhibition at the Gallery, opening on November 11th, 2010, 6.30 PM.

In this project, Evans advances his investigation of time and repetition with an installation that, as in previous shows, will include painting, installation and drawing, and a diversity of materials. The show will feature pairs of works in which each part of the pair will force a consideration of the other. An example of this is textmindfloormind, an installation on the floor with press releases in the same fashion of the one included in “Greater New York” at MoMA P.S.1, (originofmycurrentmind). In “times2”, Evans plans to install a photographed version of originofmycurrentmind that will be divided in two. The first path will be individual images of the worn and tattered press releases captured after two months of wear in the initial GNY installation and suspended digitally in a state of decay. The second path will be the images that were extracted from each press release from originsofmycurrentmind and each reformated to fit the scale of the original full press release printout (8.5” x 11” standard printing paper). Both paths will be laminated and taped to the floor guiding the viewer into the installation and to the starting pair of watercolors, and each path provides a different kind of information: while the first group of images talks about text and its erosion; the second is about the image in isolation extracted from its original framing text. At the same time, the watercolors pair is similar, but while one watercolor consists in blocks of colours to form an image, the other one uses text to form a similar image.

The goal that Evans pursues with this installation is to invite the viewer to reflect on the conceptual possibilities of temporal expansion and contraction. Through the repetition of image, idea, text and form, he attaints a semantic suspension that allows for the possibility of the perception of the object, the process and the concept to arrive unexpectedly and without a predetermined rate, all as a quiet rejection of linear time.

(From the text "times2" by Gabriela Galati)


Italiano

Federico Luger è lieto di presentare “times2”, la seconda mostra personale di Franklin Evans presso la Galleria, visitabile dall’ 11 Novembre, inaugurazione il 18 Novembre, 2010, alle ore 18.30.

In questo progetto l’artista continua la sua ricerca sul tempo e la ripetizione, grazie a un’installazione che include pittura, disegno e diversi tipi di materiali. La mostra comprenderà coppie di opere, all’interno di ognuna delle quali una parte indurrà una riflessione sull’altra. Un esempio è l’installazione composta di comunicati stampa sul pavimento dal titolo textmindfloormind, realizzata allo stesso modo di quella inclusa in “Greater New York” (originsofmycurrentmind). In “times2”, Evans prevede di installare una versione fotografata di originsofmycurrentmind, che sarà divisa in due percorsi. Un primo percorso sarà formato dalle foto di comunicati stampa stracciati ed esibiti, in una sorta di sospensione digitale, nel loro stato di decadenza; il secondo sarà costituito dalle immagini isolate e ingrandite alla dimensione dell’originale di ogni comunicato stampa. Entrambi i percorsi saranno plastificati ed incollati al pavimento,  guidando i visitatori dentro l’installazione sino al primo paio d’acquarelli; ogni percorso fornisce un tipo diverso d’informazione: mentre il primo gruppo d’immagini parla del testo e della sua erosione, il secondo si riferisce all’immagine decontestualizzata dal suo ambiente originario. A loro volta, gli acquarelli sono simili tra loro, ma mentre un gruppo consiste in blocchi di colore, l’altro è composto di testi.
L’obiettivo che Evans persegue con quest’installazione è quello d’invitare lo spettatore a riflettere sulle possibilità concettuali offerte dall’espansione e dalla contrazione temporale. Attraverso la ripetizione d’immagini, d’idee, di forme, si raggiunge una sospensione semantica che permette di percepire come gli oggetti e i concetti sorgano senza un ritmo determinato.

(Dal testo “times2” di Gabriela Galati)